Dicembre 2010 - Dona un sorriso 2010
Se non visualizzi correttamente la newsletter clicca qui.
 
  
 
 
 


 
 
 

Dona un sorriso 2010

Come ogni anno siamo arrivati a Dicembre con quella meravigliosa atmosfera che precede il Natale e tutte le aspettative e le speranze che grandi e piccini riversano in questa ricorrenza.

Natale è la festa della famiglia, un giorno speciale per ritrovarsi con i propri cari per condividere sentimenti di pace, armonia e serenità.
Tante persone purtroppo però non vivono con queste emozioni le festività, sono persone sole o ai margini che in questo periodo dell'anno sono ancora più sole ed emarginate.

Noi Volontari abbiamo pensato nel nostro piccolo di riproporre un'iniziativa che già gli anni scorsi ha riscosso un grosso successo.

La Vigilia di Natale magicamente le ambulanze si trasformeranno in slitte ed i Volontari in Babbo Natale che porteranno doni e dedicheranno tempo e sorrisi a persone ammalate e/o anziani.

In accordo con le direzioni della Residenza del Parco delle Cave a Baggio e l'Istituto Sacra Famiglia di Cesano Boscone, abbiamo deciso di trascorrere qualche ora presso i loro ricoveri.
Lo scopo è ovviamente quello di portare un po' di serenità a circa 400 ospiti che spesso vengono dimenticati e che a nostro parere meritano un po' di allegria e di festa.

A tutti un meraviglioso Natale! Anzi... un Verde Natale!

Diario di un allievo


Milano - Casa dei miei genitori - Una notte
h 22.30 Adesso è proprio ora di andare a letto, domani ho una giornata stracarica di impegni e devo assolutamente riposare.
Auguro buona notte a mamma e papà e via sotto le coperte.
h 24.05 Cos'è questo rumore?
Ho troppo sonno per aprire gli occhi, sono stanco ma l'istinto mi dice che devo svegliarmi perché sta succedendo qualcosa, qualcosa di brutto, qualcosa di grave.
Apro gli occhi, balzo giù  dal letto, esco dalla mia stanza e vedo la luce in camera dei miei genitori accesa, sento un lamento sommesso e la voce di mia madre che mormora parole che non riesco a capire.
Il cuore mi batte  così forte che temo scoppi, non so ancora cosa sia successo ma mentre mi avvicino alla porta della loro camera la sgradevole sensazione del risveglio si fa sempre più forte fino a che, aperta la porta, sono stato investito da un'ondata di puro panico alla vista di mio padre sdraiato per terra ai piedi del letto e di mia madre che lo chiama, lo scuote senza avere alcuna risposta.
Ero completamente paralizzato sentivo  e vedevo mia madre che mi parlava ma non riuscivo a capire cosa mi dicesse, non riuscivo a capire cosa stesse succedendo, non riuscivo a capire cosa dovevo fare, non riuscivo a capire...

Milano - Sede Croce Verde - Una sera di Novembre
Sono sfinito, dopo una giornata come questa sarei volentieri andato a casa a rilassarmi ed invece no!
Questa sera corso in Croce Verde!
Sono salito in metropolitana ed ho aperto il calendario del corso: questa sera lezione sull'uso del D.A.E. (defibrillatore semi automatico).
Il mio primo sentimento è stato di timore, ma timore di cosa? Timore al pensiero di usarlo? Timore di sbagliare o paura di trovarmi davanti ad un essere umano che rischia di morire? Paura...
In un lampo la mente mi riporta a quella notte e mi rivedo in piedi sulla soglia della camera dei miei genitori.
Vedo mio padre, vedo mia madre ed alla fine riesco a sbloccarmi, mi muovo vado verso di loro ma non so cosa fare, non so come aiutare.
Ho bisogno di aiuto, qualcuno ci deve aiutare, qualcuno ci deve soccorrere, così corro a prendere il telefono e compongo 1-1-8.
Il telefono squilla per un tempo che a me pare infinito ma alla fine una voce mi risponde, la investo raccontandogli tutto quello che è successo e di contro lei mi dice di andare da mio padre, mi chiede di verificare coscienza respiro e polso ma io non sono un dottore!
Ci provo, seguo le sue direttive ma sono terrorizzato dall'idea che sia morto.
Dopo poco arrivano i soccorritori e rimango li a guardare come lo muovono come lo assistono e ad un tratto lui apre gli occhi e sbiascica qualche parola! E' vivo! Piano piano si riprende e mentre siamo sull'ambulanza lungo il tragitto verso l’ospedale ringrazio i soccorritori.
E' stato il mio primo incontro con la Croce Verde Baggio.

All'inizio del corso ero un po' disorientato e ben presto si sono presentate le prime difficoltà: due sere a settimana lezione fino a tardi, la stanchezza, un gruppo così numeroso e disomogeneo di persone che sentivo distanti, il dubbio se veramente tutto questo faceva per me.
A questo punto è intervenuta la Relazione, vero strumento "salva vita" di ogni esistenza umana: i miei istruttori, i miei compagni di corso, la condivisione di perplessità, difficoltà, emozioni e ancora aspettative, motivazioni, progetti.
Oggi mi sento sereno, soddisfatto, sicuro, questo percorso mi appartiene e ci credo.
Ancora non sono stato in grado di formulare con chiarezza un pensiero preciso sul perché ho iniziato, cosa mi aspetto o cosa esattamente farò ma è un cammino che voglio percorrere e lo farò insieme ai miei compagni di viaggio.

Adotta un'ambulanza

Le classi 3 B ed F della Scuola media De Marchi - Gulli, aiutate dal corpo docenti ed in particolare dalla Professoressa Elena Tagliaferri hanno dato il via alla campagna "adotta un'ambulanza" per contribuire al nostro impegnativo acquisto unendo la Scuola, il Volontariato d'Impresa e la Solidarietà.

I ragazzi hanno raccolto degli oggetti usati che hanno venduto presso il negozio "Mercatino" di piazza Amati.
Il ricavato della prima vendita sarà consegnato ai rappresentanti della Croce Verde il giorno 18 dicembre presso la sede di via Crimea, 22 in occasione del saggio Natalizio.
In quella stessa giornata i ragazzi raccoglieranno altri oggetti da vendere per poi devolvere il ricavato alla Croce Verde.

Un ringraziamento speciale da tutta la Croce Verde Baggio va a questi ragazzi ed ai loro insegnanti che hanno deciso di dedicare il loro tempo ed impegno alla nostra causa e che magari, in un futuro prossimo, potranno diventare parte attiva di questa grande famiglia che da cento anni continua la sua storia anche grazie al sostegno di persone come loro.

Ripristinate il 5 x 1.000!

La Commissione Bilancio del Senato licenzia la legge di stabilità senza accogliere gli emendamenti previsti: "La maggioranza ha fatto quello che abbiamo chiesto e abbiamo bocciato e ritirato tutti gli emendamenti".
Così commenta il sottosegretario all'Economia, Luigi Casero il via libera alla finanziaria.
Il sottosegretario conferma poi che sono stati approvati diversi ordini del giorno.
E tra questi quello che impegna il Governo a riportare il 5x1000 a 400 milioni "nel primo provvedimento utile emanando".
Si riducono così le possibilità di una modifica al tetto dei 100 milioni per il 5 per mille visto che la Camera dei deputati ha chiuso i lavori fino al 13 dicembre, cioè alla vigilia del voto di fiducia al Governo.
Resta quindi solo una possibilità sul reintegro dei fondi: il decreto "Milleproroghe".

Continua la forte mobilitazione del mondo del volontariato e del terzo settore a sostegno della richiesta di reintegrare il fondo del 5 per mille e i fondi per le politiche sociali, entrambi decurtati di circa il 75%.
Da mercoledì 24 novembre 2010, la legge di stabilità (ex finanziaria) per il 2011 è all'esame della Commissione bilancio del Senato.
Ora occorre che il Senato approvi il medesimo testo approvato dalla Camera.
I tempi sono strettissimi in quanto, in caso di modifiche, la proposta di legge dovrà tornare alla Camera per il voto definitivo, il cui termine ultimo è fissato al 13 dicembre per le note vicende politiche.
In questi giorni bisogna concentrare gli sforzi  per far giungere il maggior numero di fax e di email da tutta Italia.

Fonte Ciessevi

Fai sentire la tua voce, firma la petizione!

Io Non Ci Sto
Vita
 
 
Se desideri cancellarti dalla newsletter clicca